giovedì 6 giugno 2013

Perfetto;REVIEW.






Certe volte scrivo le recensioni dopo mesi e mesi aver letto un libro quindi per i libri che mi sono piaciuti non riesco ad esprimere a pieno l'entusiasmo che ho provato nella lettura e ai libri che mi sono piaciuti poco vengono risparmiate critiche più o meno gratuite. Questa recensione non è il caso. Ho finito di leggere Perfetto, il primo libro della trilogia di Lilac dell'autrice italiana Alessia Esse, esattamente un minuto fa. Dunque questa recensione non sarà obiettiva, forse me ne pentirò, ma per ora la scrivo perchè ne ho voglia.

Le recensioni su GR sono spettacolari, in giro su Blogger ne trovo di altrettanto brillanti, volevo davvero che Perfetto mi piacesse, un distopico italiano su un mondo fatto da sole donne. Ero emozionata quando l'ho preso su Amazon. 
Gli ho dato due stelline che probabilmente sono più tre ma la delusione mi fa penalizzare questo libro ancora di più. 

Il problema è che l'idea di base è davvero, DAVVERO geniale. Ai giorni nostri un virus distrugge tutta la popolazione maschile, il libro è ambientato in futuro relativamente vicino, tra una cinquantina di anni il mondo sarà popolato soltanto da donne che attraverso un pericoloso processo di prelievo del midollo osseo riescono ad auto-riprodursi. Lilac nasce e vive in questo mondo, precisamente in Francia con la nonna Francesca nella convinzione che la madre Irene abbia subito la stessa sorte di molte altre donne: morte durante il parto. Il governo mondiale è uno solo: l'USP, capitanato da  Vega G. I fiori sono tutti artificiali. Il cibo come lo conosciamo noi non esiste più, al loro posto pillole che rappresentano un lontano eco dei sapori che assaggiamo tutti i giorni. Nel giorno del suo diploma Lilac fa un'ottima impressione su Vega G e da qui parte una serie di eventi che mette in moto la scoperta della verità, su perchè l'Italia è stata chiusa, su che fine abbiano fatto gli uomini. 

L'idea è bellissima. Mi piace da impazzire. La storia no. Lilac è un personaggio totalmente sciatto che si lascia trasportare dagli eventi. Baguette la sua migliore amica viene presentata come la tipa simpatica che tutti amano ma odio quando i personaggi devono avere una lettura univoca e quindi la suddetta migliore amica mi sta estremamente antipatica, ho sperato nella sua morte per tutte e trecento le pagine del libro. La storia d'amore principale è totalmente casuale che mi sembra ampiamente (e anche male) copiata da "The Immortal Rules", lui la odia per quello che rappresenta ma dopo 2,5 giorni "ci amiamo e ci rotoliamo sulla spiaggia ". Ammetto di aver apprezzato le parti in cui Michael racconta la sua storia. (motivo in più per cui il finale mi è sembrato di una stupidità disumana).

Le scelte stilistiche della Esse sono abbastanza banali. Si, è un romanzo d'esordio, ma non ha le pretese di essere un "romanzetto per passare il pomeriggio" ma di essere "il libro dell'anno italiano, NOVITA', pesche, mele e frutta fresca (?)". Ci sono certi passaggi che sono descritti in maniera talmente particolare che mi dico "ah sarà una cosa importante, sicuramente è un elemento che servirà in futuro" mentre invece NO, è buttato lì solo per far scena. 

Non riesco ad andare avanti, non potrei essere obiettiva. Se vi ispira, leggetelo. Ma io non so se leggerò il seguito, forse gli darò una chance sperando in uno sviluppo della vicenda che mi faccia ricredere, ma non so. 

PACE&AMORE.
(scusate tanto per questa recensione a caso)

8 commenti:

  1. Ahaha non mi ispira più! ;) l'idea mi sembrava tanto originale, ma sembra che il libro sia banale! Lo leggerò più avanti... forse XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti consiglio di leggerlo, non voglio stroncare il desiderio a nessuno LOL.
      spero che vada meglio con te c:

      Elimina
  2. Potresti provare la novella che so essere stata pubblicata, ambientata nel passato. Magari chiarirà qualche scemenza? Boh, io avevo iniziato a leggere Perfetto qualche mese fa, ma mi sono bloccata verso pagina 30 perché non ero in momento "distopico". Poi nelle prime pagine avevo trovato cose come -> "E'", invece che "È", e in un romanzo pubblicato... Non riesco a non vedere certi errori xD comunque devo riprenderlo, magari alla fine della temibile sessione estiva con l'obiettivo di finirlo e farmene un'idea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Isa, ormai se leggiamo il 90% dei libri d'esordio in formato ebook troveremo migliaia di errori di editing, anche se non riesco a capire perché, non è mica tanto difficile dare una riletta...
      proverò con la novella, grazie c:

      Elimina
  3. Mi dispiace tanto che non ti sia piaciuto, io l'ho davvero adorato! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. proverò a leggere il secondo, magari sarà meglio :3

      Elimina
  4. Sono molto incuriosita da questo libro, anche se ho letto recensioni positive e negative, quando lo leggerò ti farò sapere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti consiglio di leggerlo per farti un'idea chiara, fammi sapere cosa ne pensi eh :)

      Elimina